epilazione laser medica: macchinario che passa sulla pelle

Epilazione laser medica o estetica: quali sono le differenze?

Epilazione laser medica o estetica?

Quali sono le differenze?

Epilazione laser medica, cosa cambia da quella che si svolge dall’estetista? Leggi l’articolo per scoprire le sue potenzialità.

Molte delle nostre pazienti in prima visita ci chiedono in cosa si differenzi l’epilazione laser medica da quella estetica. Spesso arrivano dal medico estetico dopo più sedute svolte dall’estetista con blandi risultati, sperando di trovare finalmente una soluzione definitiva al loro problema.
Il laser medicale può essere la risposta? Assolutamente si! Continua a leggere l’articolo per conoscere le differenze.

Tempo di lettura stimato 5 minuti.

Come funziona l’epilazione laser?

L’epilazione laser è una tecnologia ormai molto diffusa che permette di eliminare in maniera definitiva i peli superflui, agendo direttamente sul bulbo pilifero del pelo portandolo al deterioramento.

L’azione del laser è efficace in quanto una volta proiettato sulla zona da trattare il fascio viene attirato dal pigmento del bulbo, l’energia luminosa si trasforma in energia termica provocando la sua distruzione e quella delle cellule che lo rigenerano ciclicamente. 

La lunghezza d’onda del laser è molto selettiva e agisce solamente in presenza di tessuti pigmentati, per questo motivo durante la seduta nei e tatuaggi devono essere protetti utilizzando una matita dermografica bianca. Il procedimento mirato verso il bulbo pilifero, assicura che cute, tessuti e cellule non vengano danneggiate durante l’esposizione.

Ovviamente il trattamento non si svolge in una sola seduta, il fascio agisce contemporaneamente su decine di bulbi, distruggendone alcuni e indebolendo gli altri, rallentando quindi il processo di ricrescita. Per un risultato definitivo e soddisfacente saranno necessarie dalle 5 alle 10 sedute.

Lunghezza d’onda dei laser medicali ed estetici

L’epilazione medica laser si differenzia da quella che si svolge nei centri estetici per la potenza della lunghezza d’onda:

Il decreto legge 12/05/2011 del Ministero della Salute, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n°163 del 15/07/2011 stabilisce che il personale non medico del settore estetico non ha l’autorizzazione per utilizzare dispositivi per la depilazione ad impulsi luminosi (Luce Pulsata) con fluenza superiore a 26 joule/cm2 con sistema di raffreddamento cutaneo integrato o di 13 joule/cm2 se sprovvisto di raffreddamento.

La legge, quindi, impedisce alle estetiste di utilizzare macchinari dalla potenza pari a quelli utilizzati dai medici estetici e dermatologi, quindi lo strumento in loro possesso risulta essere meno efficiente rispetto ai laser medicali. Questo perché una maggiore fluenza (potenza) consente infatti di raggiungere prestazioni più elevate nel processo di depilazione definitiva.

Risposte epilazione laser medica: durata, sedute e dolore

La durata di ogni seduta dipende dall’estensione dell’area trattata, può variare all’incirca dai 30 ai 90 minuti; mentre il numero delle sedute spazia dalle 4 alle 8 a distanza di circa tre settimane o un mese. Le sedute non sono dolorose, la maggior parte delle pazienti descrive di sentire un lieve pizzicore o al massimo del fastidio, ma solo quando si vanno a trattare aree davvero sensibili.
Nella maggior parte delle persone il trattamento è tollerabile, ma se dovesse recare reale fastidio è possibile richiedere l’applicazione di una crema anestetica pochi minuti prima della seduta.
In seguito alla seduta per qualche ora la pelle può apparire leggermente gonfia e arrossata.

Per conoscere ulteriori informazioni sull’epilazione laser medica non esitare a contattarci.
Rimani sempre aggiornato seguendoci sui nostri social Facebook e Instagram.